Dialogo di scoperta e azione (DAD)

Azione

Collaborazione, Discutere le sfide, Ideazione e generazione di idee, Apertura intra-gruppo, Analisi delle questioni, Strutture liberatorie, Problem solving

Comunicazione, Creatività / creare, Valutazione, Innovazione, Introspezione, Auto-riflessione

Fino a 30 minuti, Fino a 60 minuti, Tra 60 e 120 minuti

6-15 persone

Esperto

Scoperta

Introduzione

I DAD rendono facile per un gruppo o una comunità scoprire pratiche e comportamenti che permettono ad alcuni individui (senza accesso a risorse speciali e con gli stessi vincoli) di trovare soluzioni migliori dei loro pari a problemi comuni. Questi sono chiamati comportamenti e pratiche devianti positivi (PD). I DAD rendono possibile alle persone del gruppo, dell’unità o della comunità di scoprire da sole queste pratiche PD.

I DAD creano anche condizioni favorevoli per stimolare la creatività dei partecipanti in spazi dove possono sentirsi sicuri di inventare pratiche nuove e più efficaci. La resistenza al cambiamento svanisce, poiché i partecipanti sono liberi di scegliere liberamente quali pratiche adottare o provare e quali problemi affrontare. I DAD rendono possibile raggiungere la proprietà delle soluzioni in prima linea.

Strumenti necessari (cosa ti serve)

  • Strumento di lavagna online o Slack o Google docs, scegliete uno strumento che permetta di usare una tela grande e zoomabile.
  • Strumento di videoconferenza di vostra scelta e disponibilità.

Passaggi

  1. Invito alla strutturazione: Invitare le persone a scoprire soluzioni tacite o latenti a una sfida condivisa che sono nascoste tra le persone nel loro gruppo di lavoro, unità o comunità. Chiedete a chiunque sia interessato a risolvere il problema di unirsi a un piccolo gruppo e partecipare a un DAD. Nel gruppo, fate sette domande progressive:
    • Come si fa a sapere quando il problema X è presente?
    • Come puoi contribuire efficacemente alla soluzione del problema X?
    • Cosa ti impedisce di fare questo o di intraprendere queste azioni per tutto il tempo?
    • Conosci qualcuno che è in grado di risolvere frequentemente il problema X e superare le barriere? Quali comportamenti o pratiche hanno reso possibile il loro successo?
    • Hai qualche idea?
    • Cosa bisogna fare per realizzarlo? Qualche volontario?
    • Chi altro deve essere coinvolto?
  2. Come è disposto lo spazio: Sistemate ogni argomento in un’area diversa della lavagna, distribuiteli proprio come fareste sulle pareti di una stanza. Invitate i partecipanti a ingrandire e visitare ogni sezione durante la sezione di revisione di questo esercizio.
  3. Come viene distribuita la partecipazione:
    • Il facilitatore introduce le domande.
    • Tutti quelli che sono nei paraggi sono invitati a partecipare e ad essere inclusi.
    • Tutti nel gruppo hanno la stessa opportunità di contribuire.
  4. Come vengono configurati i gruppi:
    • Il facilitatore lavora con un partner che funge da registratore.
    • La dimensione del gruppo può essere di 5-15 persone.
    • La diversità dei ruoli e delle esperienze è una risorsa importante.
  5. Sequenza dei passi e allocazione del tempo:
    • Dichiarare lo scopo dell’iniziativa in discussione e il DAD e invitare a brevi presentazioni di round-robin. 5 min.
    • Porre le 7 domande una alla volta nell’ordine indicato nell’invito. Rivolgetevi a tutto il gruppo e date a tutti l’opportunità di parlare ad ogni domanda. Assicuratevi che il vostro registratore catturi le intuizioni e le idee di azione man mano che emergono – quelle grandi possono emergere quando meno ve lo aspettate. 15-60 min.
    • Chiedi al tuo registratore di ricapitolare le intuizioni, le idee di azione e chi altro deve essere incluso. 5 min.

Quando si conclude l’esercizio? Come finisce?

  • La domanda #2 spesso consiste di due parti: come il problema colpisce l’individuo personalmente e come colpisce gli altri. Per esempio, “Cosa fai per proteggerti dalle infezioni e cosa fai per prevenire la trasmissione delle infezioni?” o “Cosa fai per mantenere i tuoi studenti impegnati e cosa fai per mantenerti pieno di energia ed entusiasmo?
  • Creare un “clima” informale, iniziando con le presentazioni e un aneddoto, se appropriato.
  • Notate quando formate dei giudizi nella vostra testa su ciò che è giusto o sbagliato, poi contate fino a dieci e “lasciate perdere” prima di dire qualsiasi cosa (potrebbe essere necessario chiedere l’aiuto del vostro registratore o di un collega facilitatore).
  • Evitare affermazioni come “questa è una buona idea” e lasciare spazio ai partecipanti di fare le proprie valutazioni.
  • Dimostra una genuina curiosità per i contributi di tutti senza rispondere alle domande: studia ai piedi delle persone che fanno il lavoro.
  • Non dare o prendere incarichi!
  • Non giudicarti troppo severamente: ci vuole pratica per sviluppare un alto livello di abilità con questo approccio alla facilitazione. Assicurati di chiedere al tuo registratore un feedback diretto.

The exercise is successfully completed when? Conclusion?

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email