Pesce puzzolente

Debrief, Fare conoscenza, Apertura

Definire le intenzioni, Apertura intra-gruppo, Allineamento del team, Team – building, Cultura di squadra

Ascolto attivo, Comunicazione, Empatia, Introspezione, Leadership e sviluppo della leadership, Auto-riflessione

Tra 60 e 120 minuti

6-15 persone, 16-30 persone, Più di 30 persone

Principiante

Scoperta

Introduzione

Una breve attività da eseguire all’inizio di un programma incentrata sulla condivisione di paure, ansie e incertezze relative al tema del programma. Lo scopo è quello di creare apertura all’interno del gruppo. Il pesce puzzolente è una metafora per “quella cosa che ti porti dietro ma di cui non ti piace parlare; ma più la nascondi, più puzza”. Mettendo il pesce puzzolente (paure e ansie) sul tavolo, i partecipanti cominciano a relazionarsi tra loro, diventano più a loro agio nella condivisione e identificano una chiara area di sviluppo e apprendimento.

Strumenti necessari (cosa ti serve)

  • Strumento della lavagna bianca online
  • Scegliete uno strumento di lavagna online che permetta di utilizzare una tela grande e capace di zoomare.

Passaggi

  1. Introduci lo scopo dell’esercizio con parole tue. Spiegate che lo scopo è quello di esplorare e condividere le nostre preoccupazioni/preoccupazioni individuali sul futuro come un modo per iniziare una conversazione e cominciare ad affrontarle o superarle. Distribuite un modello di pesce puzzolente ad ogni partecipante. Spiegate la metafora del pesce puzzolente: “Il pesce puzzolente è quella cosa che ti porti dietro ma di cui non ti piace parlare; ma più la nascondi, più puzza. È una metafora per una paura o un’ansia; qualcosa che può solo peggiorare se non la riconosci e non la affronti”.
  2. Date ai partecipanti circa 5 minuti per scrivere il loro personale pesce puzzolente per il contesto del programma. Per esempio, se il contesto è una Digital Master Class, il pesce puzzolente potrebbe riguardare le paure e le ansie relative al cambiamento digitale. Se il contesto è un workshop sul cambiamento organizzativo, il pesce puzzolente potrebbe riguardare le paure e le ansie relative al cambiamento nella nostra organizzazione. Dovrebbero scrivere solo poche parole o una frase all’interno del corpo del pesce.
  3. Una volta che tutti i partecipanti hanno scritto il loro pesce puzzolente, invitate il gruppo a tornare, a sedersi in cerchio e chiedete ad ogni partecipante di condividere il proprio pesce con il resto del gruppo. Chiedete ai partecipanti di condividere uno alla volta, per 30-60 secondi ciascuno. Continuate fino a quando tutti i partecipanti hanno condiviso.

Note per il facilitatore: Opzionalmente, mettete tutti i pesci puzzolenti sul muro come una sorta di galleria. Può essere utile ritornare su di essi più tardi in un programma per fare riferimento ad alcune delle paure e ansie che sono state sollevate all’inizio.

  1. Concludete l’esercizio ringraziando i partecipanti e ricordando loro che in un mondo in rapido cambiamento, l’incertezza e la preoccupazione per il futuro sono assolutamente normali. Spiegate che “mettere il pesce in tavola” è un primo passo importante per affrontare e gestire preoccupazioni e paure. Se pertinente, spiegare che gli elementi del programma che seguiranno offriranno la possibilità di esplorare ulteriormente alcuni di questi pesci puzzolenti.

Quando si conclude l’esercizio? Come finisce?

  • Gli utenti possono disegnare il loro pesce puzzolente su carta e caricare un’immagine nella lavagna, disegnarlo digitalmente, o aggiungere note adesive alla loro immagine individuale del pesce.
  • Nella fase di riflessione, invita gli utenti a navigare verso l’immagine della persona che parla nella lavagna.
  • Se non avete uno strumento di lavagna online, potete usare Slack o Google docs per condividere e commentare le immagini create.
  • Se si usa solo un software di videoconferenza, invita i partecipanti a condividere il loro schermo e a mostrare la loro immagine digitale, o a tenere in mano il loro disegno fisico per farlo vedere al gruppo.

The exercise is successfully completed when? Conclusion?

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email