Workshop del piano d’azione: la freccia

Azione, Chiusura, Apertura, Revisione

Definire le intenzioni, Discutere le sfide, Definizione degli obiettivi, Priorità di gruppo, Prospettiva, Visione

Visione d’insieme, Comunicazione, Creatività / creare, Empatia, Introspezione

Fino a 60 minuti, Tra 60 e 120 minuti, Più di 120 minuti

6-15 persone, 16-30 persone, Più di 30 persone

Esperto

Scoperta

Introduzione

Questo workshop mira ad aiutare i partecipanti a definire, decidere e raggiungere i loro obiettivi. Supportando i partecipanti a immaginare dove vogliono essere tra un certo numero di anni a livello olistico, e definendo i passi che li porteranno lì, i partecipanti ottengono un quadro più chiaro delle azioni che devono intraprendere.

Strumenti necessari (cosa ti serve)

  • Scegliete uno strumento di lavagna online che permetta di utilizzare una tela grande e capace di zoomare.
  • Utilizzare uno strumento di videoconferenza in cui è possibile assegnare la coppia di partecipanti in stanze di pausa (ad esempio Zoom).

Passaggi

  1. I partecipanti lavorano a coppie. Ogni partecipante ha una lavagna online con il modello della freccia disegnato in gran parte su di essa. Preparatela in anticipo o chiedete ai partecipanti di disegnare rapidamente il modello da soli. Introdurre la sessione. Spiegate che lo scopo è quello di aiutare i partecipanti a creare una visione del futuro e a stabilire azioni molto tangibili su come muoversi verso quella visione. A coppie, i partecipanti si intervisteranno a vicenda. Prima la persona A intervisterà la persona B, coprendo tutti i passi, poi si scambieranno.
  2. Informate i partecipanti sulla prima intervista, poi assegnate i partecipanti alle stanze di pausa:

Chiedete a tutti i partecipanti di chiudere gli occhi e di visualizzare la loro vita tra 1 anno (o un altro orizzonte temporale, vedi le note del facilitatore qui sotto). Guidateli con domande come:

  • Con chi sei? Chi c’è intorno a te?
  • Che cosa ha realizzato di cui è orgoglioso?
  • A cosa stai lavorando?
  • Come trascorre la sua giornata?
  • Come passi il tuo tempo libero? – ecc.

Adattate queste domande al gruppo con cui state lavorando e al loro particolare contesto. Dopo la visualizzazione, tutti i partecipanti disegnano la loro visione sul punto 1 sulla loro lavagna a fogli mobili. Disegnando, i partecipanti rendono la loro visione tangibile senza concentrarsi troppo sui dettagli. Dopo aver disegnato, la persona A inizia a intervistare la persona B.

  1. I partecipanti tornano alla videoconferenza principale e ricevono il briefing sulla parte successiva. Poi si assegnano i partecipanti alle stanze di pausa:

La persona A intervista la persona B. Per prima cosa, l’intervistatore chiede al partner di immaginare i fattori chiave che hanno sostenuto la realizzazione della visione. Ricorda ai partecipanti di parlare come se stessero guardando indietro, descrivendo ciò che li ha aiutati a realizzare la loro visione. Dovrebbero spostarsi indietro nel tempo dalla visione verso il presente. Potrebbero essere cose come: “Ho ricevuto un ottimo aiuto dal mio mentore“, “Ho iniziato ad allenarmi regolarmente“, “Ho assunto un contabile” o “Ho affrontato la mia paura del fallimento“. Qualsiasi cosa che abbia avuto un effetto positivo sul raggiungimento della visione. Durante questa fase, l’intervistatore scrive ogni fattore chiave su un post-it e lo posiziona al punto 2 sulla lavagna del partner.

  1. I partecipanti tornano alla videoconferenza principale e ricevono il briefing sulla parte successiva. Poi si assegnano i partecipanti alle stanze di pausa:

Poi, l’intervistatore chiede al partner di identificare tre fattori ostacolanti che mi hanno quasi fatto fallire.

Questi fattori sono le cose che li hanno quasi fatti rinunciare e non realizzare la loro visione. Questo potrebbe essere: “Ho dormito troppo e mi sono presentato spesso in ritardo“, “All’inizio non avevo il coraggio di lasciare il mio lavoro per iniziare qualcosa di nuovo” o “Non ho quasi detto alla persona che mi piaceva che avevo una cotta per lui”. Di nuovo, l’intervistatore li scrive su post-it e li mette al punto 3 del modello.

L’intervistatore continua a chiedere dei tre fattori ostacolanti, ma sposta l’attenzione su ciò che la persona ha fatto per superarli. Per esempio, “Ho fatto chiamare un amico che mi svegliava ogni mattina“, “Mi sono allenato in una nuova abilità che mi ha portato al lavoro dei miei sogni“. L’intervistatore scrive queste soluzioni su post-it e le attacca ai problemi sul modello.

  1. I partecipanti tornano alla videoconferenza principale e ricevono il briefing sulla parte successiva. Poi si assegnano i partecipanti alle stanze di pausa:

Infine, l’intervistatore chiede al partner di considerare i passi che ha già fatto verso la sua visione. Potrebbero dire: “Mi sono iscritto a questo corso”, o “Ho iniziato la formazione in questa nuova abilità”. “La linea tratteggiata rappresenta l’oggi e l’intervistatore scrive e aggiunge questi post-it al punto 4 del modello.

Dopo aver completato la prima intervista, i partner si scambiano e ripetono il processo.

  1. I partecipanti tornano alla videoconferenza principale: La freccia di ogni partecipante è ora piena di post-it che rappresentano i compiti in un piano d’azione per raggiungere la visione. Che l’orizzonte temporale sia 3 mesi o 3 anni, la freccia rappresenta un percorso realistico per arrivarci.

Incoraggiate i partecipanti a conservare la loro freccia e anche ad affiggerla da qualche parte dove la vedranno e ne trarranno ispirazione. Terminate la sessione con un check-out in cui ogni partecipante condivide la prossima azione che intraprenderà verso la sua visione.

Quando si conclude l’esercizio? Come finisce?

  • Se non avete uno strumento di lavagna online, potete usare Slack o Google docs per condividere e commentare le immagini create.
  • Se si usa solo un software di videoconferenza, invita i partecipanti a condividere il loro schermo e a mostrare la loro immagine digitale, o a tenere in mano il loro disegno fisico per farlo vedere al gruppo.

The exercise is successfully completed when? Conclusion?

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email